News

Certificati sospetti per DPI

certificati sospetti per DPI - aggiornato il 29/04/2020

Fonte: https://www.eu-esf.org/covid-19/4513-covid-19-suspicious-certificates-for-ppe

European Safety Federation (ESF)

 

Nota: questo articolo è valido per dispositivi di protezione individuale (DPI), come maschere di protezione (tipo FFP2 o FFP3), occhiali protettivi e schermi facciali, guanti e indumenti protettivi, ecc. Le procedure di valutazione della conformità per dispositivi medici (ad es. medici o chirurgici le maschere) sono diverse e per coloro che dovrebbero cercare informazioni dalle pertinenti associazioni o autorità di categoria. Il produttore deve inoltre verificare che altre normative siano simultaneamente applicabili al prodotto (ad esempio REACH è sempre applicabile).

Data l'enorme quantità di richieste, ti chiediamo di leggere prima l'articolo completo, prima di contattare l'FSE o una delle associazioni di categoria nazionali dei fornitori di DPI. Se si dispone di un "certificato" per DPI che chiaramente non proviene da un organismo notificato per DPI (questo certamente significa che tutti gli istituti al di fuori dell'UE, Svizzera o Turchia), non c'è dubbio che il documento non è una base legale valida per la marcatura CE .

 

Tutti stanno lavorando molto duramente e con le migliori intenzioni per rendere disponibili i DPI necessari agli operatori sanitari e alle altre persone coinvolte nella lotta contro la crisi COVID-19.

In primo luogo, deve essere fornita e verificata la Dichiarazione di conformità (DoC). Per i prodotti importati al di fuori dell'UE (compresi l'EFTA e altri partecipanti al mercato unico), l'importatore deve assicurarsi che il produttore abbia effettuato la valutazione di conformità come previsto dal regolamento sui DPI (UE) 2016/425. Nel caso in cui vi siano dubbi sulla DoC o non vi sia alcuna DoC o se vi è importazione dall'esterno dell'UE, ha senso o è addirittura necessario controllare la certificazione. Vedere gli articoli " cosa fare quando si importano DPI (ad es. Maschere FFP2) nell'UE? " E " procedura di valutazione della conformità per DPI "

Purtroppo, noi (la European Safety Federation (ESF) = associazione commerciale dei fornitori di DPI, un'organizzazione no profit finanziata dai membri) siamo informati da diverse fonti sui "certificati" o altri documenti utilizzati come base per la marcatura CE dei DPI ( comprese le maschere FFP2 / FFP3 e la protezione degli occhi), mentre questi "certificati" non hanno valore legale e non possono essere utilizzati come conclusione della valutazione di conformità. Non è chiaro se questi documenti siano stati effettivamente rilasciati dalle organizzazioni menzionate o se siano falsi (abbiamo l'impressione che molti documenti falsi vengano presentati come prova di conformità). ESF non li sta accusando di farlo, vogliamo solo informare e mettere in guardia su questi documenti. 

Numerosi istituti citati offrono la possibilità di verificare la validità del "certificato" sul proprio sito web. In questi casi, una risposta "valida" non rende il documento un certificato di esame del tipo legalmente valido. Significa solo che l'istituto riconosce di aver rilasciato il "certificato" a questo produttore per il prodotto menzionato.

 

Finora abbiamo visto "certificati" su carta intestata (o usando il loro logo e / o nome) dei seguenti istituti basati in Europa (esempi in fondo a questa pagina) - gli istituti non sono un organismo notificato competente per i DPI menzionati nella documento o documenti falsi:

ICR Polska - vedi sotto l'aggiornamento 31/03/2020, 06/04/2020 e 14/04/2020 - ICR non è un organismo notificato per DPI (sono per altri prodotti)

CELAB - vedere la dichiarazione sulla loro pagina web  https://celab.com/en/coronavirus/  - CELAB non è un organismo notificato per DPI (sono per altri prodotti)

ECM (Ente Certificazione Macchine) - anche un'immagine di una maschera con numero di identificazione dell'organismo notificato ECM 1282 accanto a CE - ECM non è un organismo notificato per DPI (sono per altri prodotti), quindi questo marchio non è certamente valido) - vedi aggiornamento 03/04/2020 di seguito

ISET (Instituto Servizi Europei Technologici) - sul loro sito web hanno una pagina con certificati falsi - vedi  http://www.iset-italia.eu/index/service/fal.html  - ISET è Organismo Notificato per alcuni tipi di DPI, ma non per la protezione delle vie respiratorie (maschere)

NPS

Amtre Veritas

Ispezione e certificazione STS

Test e certificazione VIC

BSI Test Limited: abbiamo anche aggiunto un esempio di un "certificato di conformità" emesso da "BSI Test Limited, Londra" che non è chiaramente emesso dall'organismo notificato per i DPI BSI e ciò è confermato dall'organismo notificato BSI - quindi questo uno non è un certificato di esame UE del tipo valido. 

ISP (UK Inspec International): il documento come esempio è intitolato "dichiarazione di conformità" ma il testo fa riferimento a "certificato"

NTC (Nationaux de Certification Technique - CHCS) 

Ecole Supérieure du Bois: questo istituto ci ha fornito l'esempio. Il nome e l'indirizzo dell'Ecole Supérieur du Bois in Francia sono usati insieme al nome Euroscene Business Solutions Limited. L'Ecole Supérieure du Bois è attiva nei prodotti da costruzione e conferma che non rilasciano certificati per DPI. Non hanno alcun rapporto con Euroscene Business Solutions Limited. Questo è chiaramente un documento falso che abusa del loro nome.

Abbiamo visto  certificati falsificati (esame del tipo) utilizzando il nome, il logo e / o il layout dei seguenti organismi notificati per DPI (esempi in fondo a questa pagina). Questi non sono emessi da soli, quindi sono vittime di frodi e non possono essere incolpati di questo abuso:

BSI: abbiamo un esempio di un certificato di esame UE del tipo BSI che è stato chiaramente modificato ed è quindi un documento falso - questo è confermato dall'organismo notificato per i DPI BSI. I certificati di BSI possono essere verificati su  https://verifeyedirectory.bsigroup.com/

VUBP (Vyzkumny ustav bezpecnosti prace): abbiamo ricevuto un esempio di un "certificato di conformità" usando il nome e il logo di VUBP. Questo esempio è stato confermato dall'organismo notificato VUBP come falso

CSI: CSI ci ha inviato un esempio di certificato falso per maschere usando il loro nome e numero NB. CSI è un organismo notificato per diversi tipi di DPI, ma non per la protezione delle vie respiratorie. Non c'è dubbio che l'esempio sia un documento falso

Apave Sudeurope: abbiamo ricevuto un esempio di un certificato di esame UE del tipo Apave - questo documento non è emesso dall'organismo notificato Apave ed è confermato da loro come un documento falso . 

Finora abbiamo visto "certificati" su carta intestata (o usando il loro logo e / o nome) dei seguenti istituti con sede in India (esempi in fondo a questa pagina). In ogni caso, un certificato rilasciato da un istituto in India non è un certificato di esame del tipo legalmente valido in quanto possono essere emessi solo da un organismo notificato con il tipo di DPI interessato nella loro portata. Pertanto, i "certificati" di tali organizzazioni non costituiscono una base giuridica per la marcatura CE né per l'immissione dei DPI sul mercato dell'UE.

Servizi di certificazione TQV

Finora abbiamo visto "certificati" su carta intestata (o usando il loro logo e / o nome) dei seguenti istituti basati in Cina (esempi in fondo a questa pagina). Ricorda che alcuni dei documenti che abbiamo visto dagli istituti cinesi affermano che le maschere FFP2 appartengono alla categoria I DPI - questo chiaramente non è corretto, le maschere protettive appartengono sempre alla categoria III DPI. Alcuni dei documenti sono anche falsi e non rilasciati dall'istituto menzionato. In ogni caso, un certificato rilasciato da un istituto cinese non è un certificato di esame del tipo legalmente valido in quanto può essere rilasciato solo da un organismo notificato con il tipo di DPI interessato nella sua portata. Pertanto, i "certificati" di tali organizzazioni non costituiscono una base giuridica per la marcatura CE né per l'immissione dei DPI sul mercato dell'UE.

ENC (East Notice Certification Service)

HTT (tecnologia Shenzhen HTT)

BTK (Guangzhou Bestek Testing Services)

Huawin (Shenzhen Huawin Testing Certification)

LTT (Shengzhen LTT Testing Technology)

JZ-CERT (Shanghai Jian Zheng Network Technology)

Test della tecnologia OCT

Tecnologia di test ACT

XW-CERT (servizio di certificazione XinWei di Shenzhen)

Tecnologia di test YouBest

Tecnologia di prova di Shenzhen Tian Hai

BST (BST Testing Service International, Hong Kong)

CTE (tecnologia elettronica Coffee-T)

CTO (Shenzhen Technology CTO Service)

Huacetong (Shenzhen Huacetong Testing and Certification)

STA (Shenzhen STA Testing)

STE (STE Testing Laboratory)

Anche la "dichiarazione di conformità" sulla carta intestata degli istituti (o usando il loro logo e / o nome) che sono confermati dalle organizzazioni interessate come falsi (non rilasciati da loro stessi, quindi sono vittime di frode e non possono essere incolpati per questo abuso):

Certificazione Nova (con sede in Grecia) - l'organismo notificato Nova (non notificato per la valutazione dei DPI ma per altri tipi di prodotti) ha confermato che l'esempio della "dichiarazione di conformità" è un documento falso

GTS (Global Testing Services, con sede in Cina) - questa organizzazione ha confermato che l'esempio mostrato non è stato rilasciato da soli ed è quindi un documento falso (il riferimento sul documento è un riferimento esistente per un documento relativo a un termometro frontale e alla normativa RoHS ). Sul loro sito web  http://en.gts-lab.com/ser.htm  è possibile controllare il riferimento del documento.

Organizzazioni con sede in Cina da cui abbiamo ricevuto informazioni che l'esempio fornito non è stato pubblicato da loro stessi e quindi falso . Ciò significa che il loro nome è stato abusato e che non possono essere riconosciuti per questo abuso.

Micez (Shanghai MICEZ Testing & Technical) - 14/04/2020: Micez ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato pubblicato da Micez e quindi falso !

ITC (Shenzhen ITC Product Testing) - 18/04/2020: ITC ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato rilasciato da ITC e quindi falso !

Huaxun (Shenzhen HX Detect Certification) - 21/04/2020: Shenzhen HX Detect Certification ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato rilasciato dalla Shenzhen HX Detect Certification e quindi  falso  !

ATL (Shenzhen ATL Testing Technology) - 21/04/2020: ATL ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato pubblicato da ATL e quindi  falso  !

Beidor (Shenzhen Beidor Testing Technology) - 26/04/2020: Beidor ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato pubblicato da Beiror e quindi falso !

TMC (TMC Testing Services (Shenzhen)) - 26/04/2020: TMC ha informato che gli esempi in questa pagina non sono stati pubblicati da Beiror e quindi  falsi  !

CCT (Shenzhen CCT Testing Technology) - 27/04/2020: CCT ha informato che l'esempio in questa pagina non è stato rilasciato da CCT e quindi falso !

CIC (Shenzhen CIC Testing Technology) - 27/04/2020: CIC ci ha informato di una dichiarazione sul loro sito web che chiariva che tutti i certificati emessi da CIC per DPI sono stati sicuramente ritirati - vedi  http://www.soncap-saso.com/en /article/20200404/503.html

TXB (TXB Rheinland Testing Services) - 28/04/2020: TXB ha informato di non aver mai rilasciato certificati CE per DPI e quindi che qualsiasi certificato per DPI con il loro nome è falso !

 

Abbiamo l'impressione che i produttori al di fuori dell'UE (e probabilmente anche i "nuovi arrivati" e gli importatori nell'UE) non abbiano familiarità con la legislazione dell'UE in materia di DPI e quindi crediamo che pagando il "certificato" di tale organizzazione, siano pienamente in conformità con la legislazione dell'UE. E molto probabilmente, anche dalla parte dei clienti (comprese le autorità sanitarie), mancano le conoscenze sugli esatti requisiti della legislazione dell'UE e giudicano tali documenti accurati. 

Va notato che è possibile che i DPI siano sicuri e offrano la protezione richiesta, anche se i documenti non sono corretti e non offrono quindi una prova concreta di ciò. In questi casi, è possibile prendere in considerazione la verifica dei DPI e seguire le procedure corrette.

 

In questo momento, è chiaro che la priorità è quella di ottenere il maggior numero possibile di maschere (e altri DPI pertinenti) nell'UE in modo che gli operatori sanitari possano essere protetti. D'altra parte, non si può ammettere che le maschere sub-standard che non offrono la protezione richiesta siano rese disponibili agli operatori sanitari che sono ora ad alto rischio e che quindi meritano una protezione corretta.

 

Le maschere di protezione (come FFP2 / FFP3) sono DPI di categoria III secondo il regolamento (UE) 2016/425. Ciò significa che la valutazione della conformità comprende un esame del tipo da parte di un organismo notificato, che ha come risultato un "certificato di esame UE del tipo", nonché un seguito alla produzione da parte di un organismo notificato (controlli casuali o audit del sistema). Ciò comporta la marcatura CE con il numero dell'organismo notificato responsabile del follow-up della produzione accanto alla marcatura CE. Il produttore è tenuto a rilasciare la Dichiarazione di conformità UE, che deve accompagnare (nell'elenco mediante un collegamento web) i DPI, unitamente alle istruzioni per l'uso.

 

Data l'attuale crisi sanitaria, la Commissione europea ha pubblicato la Raccomandazione (UE) 2020/403 sulla valutazione della conformità e la sorveglianza del mercato. Ciò consente agli Stati membri di essere flessibili solo per i prodotti rilevanti per la crisi e acquistati per la durata della crisi (dalle autorità) per il settore sanitario. Tuttavia, ciò non significa che i prodotti non debbano essere conformi ai requisiti essenziali applicabili in materia di salute e sicurezza definiti nel regolamento sui DPI e certamente non debbano offrire la protezione richiesta. Per ulteriori informazioni, consultare l'articolo " eccezioni alle regole di valutazione della conformità per i DPI "

I DPI che entrano nella normale catena di distribuzione devono tuttavia essere pienamente conformi al regolamento.

 

Per tutti i soggetti coinvolti: verifica che i "certificati" che ricevi per i DPI siano correttamente denominati "certificati di esame UE del tipo" e che siano rilasciati da un organismo notificato competente (il che significa certamente con sede nell'UE, compresi EFTA e Turchia). Il numero di identificazione dell'organismo notificato deve essere incluso nel certificato di esame UE del tipo.

In caso di dubbi sull'organismo notificato, è possibile consultare la base di dati NANDO ( https://ec.europa.eu/growth/tools-database/nando/index.cfm?fuseaction=directive.notifiedbody&dir_id=155501 ) dove troverai anche le competenze degli organismi notificati (non tutti gli organismi notificati DPI sono competenti per tutti i tipi di DPI).

In caso di dubbi sul certificato di esame UE del tipo, non esitare a contattare l'organismo notificato in questione per verificare se il certificato è autentico e valido per dimostrare la conformità alla legislazione UE sui DPI (alcuni degli organismi notificati dispongono di uno strumento sul loro sito Web per verificare i certificati).

In caso di dubbi o di documenti non legalmente validi, è possibile contattare le autorità nazionali di vigilanza del mercato nello Stato membro in cui si risiede o a cui sono destinati i DPI.

È inoltre possibile contattare l'organizzazione nazionale dei fornitori di DPI nel proprio paese ( per informazioni di contatto, consultare i membri effettivi dell'FSE ).

Per ulteriori informazioni su come riconoscere certificati "fuorvianti" o "falsi", consultare anche le domande e risposte FSE 87 e Domande e risposte 88

 

Il China National Accreditation Service (CNAS) ha pubblicato un elenco di laboratori accreditati per il test di maschere (protettive e mediche) sul loro sito Web. Nota: i laboratori accreditati cinesi non sono certamente organismi notificati per la protezione delle vie respiratorie e pertanto non possono rilasciare certificati di esame UE del tipo, possono eseguire i test secondo i test per i quali sono accreditati (nella maggior parte dei casi ciò è solo conforme agli standard cinesi, non alle norme EN). clicca qui per l'elenco di CNAS

 

aggiornamento 31/03/2020 (vedi anche aggiornamento 06/04/2020 e 14/04/2020)  : ICR Polska ha pubblicato un messaggio sulla loro homepage riguardante i loro certificati volontari (vedi  https://icrpolska.com/ ): 

A causa del crescente interesse per l'ottenimento di un certificato di conformità alle norme armonizzate con il regolamento della Commissione europea sui dispositivi di protezione individuale n. 2016/425, desideriamo informare che ICR Polska Co, Ltd. non accetta più domande di certificazione in merito scopo.

Allo stesso tempo, spieghiamo che, in conformità con il contenuto dei certificati emessi, le valutazioni effettuate finora sono di natura volontaria e non equivalgono alle procedure obbligatorie di valutazione della conformità svolte dagli organismi notificati autorizzati al suddetto regolamento. Questi certificati non confermano la conformità a tutti i requisiti essenziali del Regolamento n. 2016/425 relativo al prodotto.

aggiornamento 03/04/2020 : ECM ci ha inviato le seguenti informazioni relative all'abuso del numero dell'organismo notificato, certificati falsi e certificati volontari:

Vorremmo dichiarare che non siamo un organismo notificato per i DPI e quindi non possiamo e non rilasciamo alcuna certificazione CE per questa direttiva. Siamo a conoscenza dell'abuso palese e della falsificazione di certificati che riportano il nostro numero NB 1282, come quello che hai segnalato correttamente nel tuo articolo. L'uso del nostro nome e numero sulle maschere DPI è una frode e un abuso e stiamo adottando misure per rintracciare e segnalare tutti i certificati falsi in circolazione.

Aggiorniamo il nostro database di certificati falsi e la sezione notizie del nostro sito Web quasi ogni giorno, con eventuali falsi nuovi che scopriamo, ma purtroppo è difficile rintracciarli tutti. Inoltre, procediamo immediatamente alla segnalazione richiesta non appena riceviamo notizie di un nuovo falso.

A questo proposito, saremmo molto grati se potessi comunicarci il nome dell'azienda che importa maschere DPI con il nostro numero CE in modo da poterlo segnalare immediatamente. Non vogliamo far circolare certificati CE falsi con il nostro numero NB, poiché rischiano di mettere in pericolo gli utenti e rappresentano un grave problema per la nostra azienda.

Vorremmo anche sottolineare che qualsiasi attività svolta in relazione alla direttiva DPI è stata una revisione volontaria della documentazione tecnica e non può in alcun modo sostituire una certificazione CE. I produttori e i consulenti che hanno richiesto questo servizio sono consapevoli della natura volontaria di questo tipo di verifica e hanno concordato i termini e le condizioni del servizio, condotti secondo il nostro regolamento sui marchi volontari, pubblicati sul nostro sito web.

A tal proposito, ti chiediamo gentilmente di farci sapere se riscontri certificati o usi impropri del nostro numero NB e logo, in modo che possiamo procedere a segnalarlo alle autorità.

A tal proposito, vorrei indirizzarti al nostro sito Web, dove abbiamo affrontato (e stiamo continuando ad affrontare) la questione in modo più dettagliato, tramite il seguente link:  http://entecerma.it/news

aggiornamento 06/04/2020  : ICR Polska ha modificato il testo che è stato inserito sul loro sito Web il 31/03/2020 - vedere il nuovo aggiornamento il 14/04/2020.

Gentile Signore o Signora,

è possibile verificare personalmente lo stato del certificato:  https://cert.icrpolska.com

- in caso di problemi con la ricerca del certificato, si prega di allegare la sua scansione e inviare un'e-mail a  icrpolska@icrqa.com

- allo stesso tempo, desideriamo informarLa che l'importazione di prodotti nel mercato dell'UE dipende dal rispetto dei requisiti legali applicabili al prodotto, ad esempio:

- Regolamento 2016/425 - Direttiva 94/42

/ CEE

- ti invitiamo a leggere:  https://op.europa.eu/en/publication-detail/-/publication/a247dab0-6794-11ea-b735-01aa75ed71a1/language-en

aggiornamento 14/04/2020 : ICR Polska ha nuovamente modificato il testo sul proprio sito Web - consultare  https://cert.icrpolska.com/

 

 

gli allegati all'articolo (esempi di certificati sospetti) sono disponibili qui (fare clic su "esempio ..." per aprire il file) - alcuni documenti sono falsi. In ogni caso nessuno degli esempi mostrati è un certificato di esame del tipo legalmente valido: 

Celab:  esempio Celab 1  /  esempio Celab 2

ECM:  esempio ECM  / esempio ECM 2  /  maschera con il numero di ECM dell'organismo notificato mentre ECM non è notificata per DPI, quindi marcatura non valida

ICR Polska:  esempio ICR Polska 1  / esempio ICR Polska 2  / esempio ICR Polska 3 / esempio ICR Polska 4  / esempio ICR Polska 5

ISET:  esempio ISET  (questo esempio è uno dei tanti inclusi nella pagina dei certificati falsi di ISET - file denominato “Falsa attestazione-certificato kn95.pdf) 

NPS:  esempio NPS

CIC:  esempio CIC  / esempio CIC 2  - vedere la dichiarazione sulla validità sul sito Web  http://www.soncap-saso.com/en/article/20200404/503.html

Amtre Veritas:  esempio Amtre Veritas  (certificato di conformità per occhiali di sicurezza)

GTS:  esempio GTS  (dichiarazione di conformità) - l'organizzazione GTS ci ha informato che si tratta di un documento falso che non è stato rilasciato da soli ((il riferimento sul documento è un riferimento esistente per un documento relativo a un termometro frontale e alla legislazione RoHS)

Huaxun:  esempio Huaxun  (la certificazione Shenzhen HX Detect ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato dalla certificazione Shenzhen HX Detect ed è quindi un documento falso)

ENC:  esempio ENC

STS:  esempio STS

HTT: esempio HTT  / esempio HTT 2

ITC: esempio ITC  (ITC ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da ITC ed è quindi un documento falso)

BTK: esempio BTK

Micez: esempio Micez  (Micez ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da Micez ed è quindi un documento falso)

Huawin: esempio Huawin / esempio Huawin 2

LTT: esempio LTT

Nova: esempio Nova (dichiarazione di conformità - confermata dall'organismo notificato Nova che si tratta di un documento falso)

BSI Test Limited London: esempio BSI (confermato dall'organismo notificato BSI che questo non è un certificato rilasciato da loro e quindi certamente non un certificato di esame UE del tipo valido)

BSI Paesi Bassi: esempio BSI falso  (confermato dall'organismo notificato BSI che questo certificato è stato modificato e quindi falso )

VIC: esempio VIC

JZ-CERT: esempio JZ

PTOM: esempio di PTOM

ACT: esempio ACT

XW-CERT: esempio XW

ATL: esempio ATL (ATL ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da ATL ed è quindi un documento falso)

TMC: esempio TMC / esempio indumento TMC  (TMC ci ha informato che gli esempi non sono emessi da TMC e sono quindi documenti falsi)

YouBest: esempio YouBest

Tecnologia di prova Shenzhen Tian Hai: esempio Tecnologia di prova Shenzhen Tian Hai

ISP (UK Inspec International): esempio ISP  (dichiarazione di conformità)

VUBP (Vyzkumny ustav bezpecnosti prace): esempio VUBP (confermato dall'organismo notificato che questo certificato non è rilasciato da VUBP e quindi  falso )

NTC (Nationaux de Certification Technique - CHCS): esempio NTC

ESB (Ecole Supérieure du Bois): esempio ESB  (confermato da ESB che non rilasciano certificati per DPI. Questo è quindi  falso .

Servizi di certificazione TQV: esempio TQV  (abbiamo nascosto il nome del produttore e il riferimento del prodotto su richiesta del produttore con sede nell'UE)

Beidor: esempio Beidor  (Beidor ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da Beidor ed è quindi un documento falso)

BST: esempio BST

CCT: esempio CCT  (CCT ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da CCT ed è quindi un documento falso)

CTE: esempio CTE

CTO: esempio CTO

Huacetong: esempio Huecetong (dichiarazione di conformità)

STA: esempio STA

STE: esempio STE

TXB: esempio TXB  (TXB ci ha informato che l'esempio non è stato rilasciato da TXB ed è quindi un documento falso)

CSI: esempio CSI (confermato dall'organismo notificato CSI che si tratta di un certificato falso )

Apave: esempio Apave (confermato dall'organismo notificato Apave che si tratta di un certificato falso )

SISTEMA DI MONITORAGGIO E CONTABILIZZAZIONE ACQUA SANITARIA CONDOMINIALE

Il sistema proposto vi consente di controllare e contabilizzare i consumi dell’acqua senza dover accedere all’interno degli appartamenti.

I contatori d’acqua sanitaria a telelettura, grazie alla trasmissione radio, permettono di leggere i consumi di ogni utenza tramite telelettura senza recare nessun disturbo ai condomini.

 

L’offerta comprende il servizio di lettura, monitoraggio e allarmistica via mail tramite webserver.

 

A corredo dell’installazione del sistema di contabilizzazione, vi forniamo la tabella appartamento con abbinamento dei singoli contatori installati in ottemperanza ai criteri di trasparenza all’utente finale.

 

A) Per ogni punto idrico

leggi di più

Aliquota IVA agevolata al 10%

Premessa

- La normativa che disciplina l’imposta IVA per gli interventi edilizi ed impiantistici su edifici esistenti prescinde da quella che regola le detrazioni 55% - 65% o 36% - 50%.

- In altre parole, le cessioni di beni (materiali, prodotti) e le prestazioni di servizi (manodopera, prestazioni professionali), per la realizzazione dei suddetti interventi, sono assoggettate all'IVA in base alle aliquote previste per i cosiddetti interventi di recupero del patrimonio immobiliare.

- Non è rilevante se successivamente queste spese siano o meno detratte dall'imposta .

- Per i suddetti interventi è comunque prevista, in generale, ma con alcune eccezioni, l’aliquota agevolata del 10%.

- Per gli impianti a pannelli solari, esiste una norma particolare di seguito trattata.

- La definizione dei casi in cui l’aliquota agevolata è applicabile è piuttosto complessa. Un riferimento è senz'altro la circolare 71-2000 dell’Agenzia delle Entrate.

Casi di interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria

- Nei casi, molto frequenti, in cui l’intervento si configura come manutenzione ordinaria o straordinaria, su immobili residenziali (categorie catastali da A1 ad A9 e A11) e parti comuni di edifici prevalentemente composti da unità di queste categorie), fatturati ad un soggetto non passivo d’imposta IVA (una persona fisica) si può applicare IVA 10% a:

  1. l’importo in fattura relativo alla manodopera per realizzare l’intervento;
  2. l’importo in fattura relativo ai prodotti ed ai materiali impiegati, forniti dall'installatore (non acquistati direttamente dal committente), con l’eccezione dei cosiddetti “beni significativi” che, nei casi più frequenti, sono da intendersi le caldaie ed i serramenti;
  3. la parte dell’importo in fattura, relativo a caldaie o serramenti, equivalente alla somma totale degli importi relativi ai punti 1 e 2. Ne consegue che, nel caso che la somma 1 + 2 sia maggiore dell’importo relativo a caldaie o serramenti, tutto l’importo in fattura è assoggettato all'aliquota del 10% .
leggi di più

Condominio: quando è possibile installare telecamere lecitamente?

Articolo pubblicato da StudiAo Cataldi >> Link

R.S.P.P. PER DATORE DI LAVORO - RISCHIO ALTO

EFEI

ID Evento 151606  Edizione 5

  Dal 11/04/2016  al  16/04/2016

  Indirizzo via sardegna 78, Palermo, Sicilia

  Luogo sede acf macaluso engeenering

  Costo 0€ Crediti 40 Ore 48 Tipologia Evento RES

  Segreteria Organizzativa - E-mail providerecmefei@gmail.com - Telefono 0645479340

  Professioni: Tutte Le Professioni

leggi di più 0 Commenti

Ecobonus domotica: nel 2016 detrazione fiscale fino al 65%

Filippo Macaluso

Anche la domotica per l'anno 2016 gli Ecobonus.

La Legge di Stabilità 2016 (Art. 1, Comma 88) ha esteso il bonus sulla detrazione fiscale al 65% IRPEF

leggi di più 0 Commenti

Detrazioni fiscale 65%: mini-guida e novità 2016

fonte: qualeenergia.it

Nuovi interventi incentivati, possibilità di cedere il credito e nuovi beneficiari: una breve guida alle novità della Legge di Stabilità 2016 sulle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici e un riepilogo sugli interventi ammessi e su chi e come potrà chiedere l'Ecobonus per l'anno in corso.

>> Leggi di Più

0 Commenti

Nuovo Conto Termico: la versione definitiva è finalmente stata approvata

Fonte: www.expoclima.net

Ecco il Nuovo Conto Termico, approvato ieri in Conferenza Stato Regioni: più incentivi, più interventi e procedure più snelle. Si attende l’entrata in vigore

 

>> Leggi di Più

0 Commenti

Le detrazione fiscali per l'anno 2016

Fonte: agenzia delle entrate

Con la legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 28 dicembre 2015) sono state prorogate fino al 31 dicembre 2016 sia la detrazione fiscale del 65% per gli interventi di efficienza energetica e di adeguamento antisismico degli edifici, sia la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. E’ prorogato fino al 31 dicembre 2016 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili.

leggi di più 0 Commenti

Linee guida per la realizzazione di un impianto fotovoltaico: dal progetto, alla connessione ENEL e alla richiesta al GSE

Fasi e adempimenti per realizzare un progetto fotovoltaico.

La procedura di realizzazione di un piccolo impianto fotovoltaico, per esempio di un impianto sul tetto di casa inferiore ai 20 Kw di potenza, comprende alcune fasi più o meno standardizzate, più o meno simili in tutte le casistiche di piccoli impianti domestici o aziendali.

 

I lavori per la realizzazione effettiva dell’impianto fotovoltaico, non comportano grandi lavori: si tratta di applicare dei pannelli solari sul tetto, di installare un inverter e un contatore in un locale e realizzare i collegamenti necessari. Ciò che richiede tempo, spesso, sono le procedure amministrative per la connessione dell’impianto alla rete elettrica di Enel distribuzione, per il collaudo e per la richiesta di registrazione al Gse (il Gestore dei Servizi Energetici), che si occuperà di ritirare l’energia immessa in rete ed erogare il contributo dello scambio sul posto.

 

Ciò che comporta il maggior impegno e particolare attenzione, dunque, è lo svolgimento di tutte le pratiche amministrative connesse alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico: dagli iter autorizzativi in Comune (o, eventualmente, in Provincia o Regione), alle pratiche di connessione Enel (gestore di rete territorialmente competente) fino allo svolgimento delle pratiche GSE per la convenzione di ritiro dell’energia immessa in rete, che può essere lo “Scambio sul Posto” o il “Ritiro Dedicato” (RID).

 

In particolari Comuni sottoposti a specifici vincoli paesaggistici o ambientali le autorizzazioni possono rappresentare un vero e proprio “muro insormontabile” per la realizzazione del progetto fotovoltaico. In queste condizioni le autorizzazioni necessarie possono arrivare dopo parecchi mesi dalla richiesta, o possono non arrivare mai.

 

Del resto non ci sono più gli incentivi del conto energia e questo agevola di molto la velocità di svolgimento delle pratiche burocratiche col gestore GSE.

 

Questi, i principali aspetti burocratico-amministrativi. In parallelo a questi adempimenti, poi, c’è tutta la fase “tecnica”di progettazione: dal progetto preliminare, già necessario per la richiesta di connessione Enel, al progetto definitivo, fino al progetto esecutivo, quello necessario per l’ effettivo svolgimento dei lavori per la realizzazione dell’impianto fotovoltaico.

 

Ogni caso ed ogni tipologia di installazione ha ovviamente le proprie specificità, però possiamo individuare in linea generale le fasi operative, più o meno comuni a tutte le installazioni, che devono caratterizzare ogni progetto per la realizzazione di un impianto fotovoltaico.

leggi di più 0 Commenti

Divieto di fumo, come misura di prevenzione nei luoghi di lavoro

La Circolare del Ministero della Salute del 17 dicembre 2004, riporta al punto 2 “ . . . . Il divieto di fumare applicato non solo nei luoghi di lavoro pubblici ma anche in quelli privati che siano aperti al pubblico o agli utenti. Tale divieto viene esteso agli stessi lavoratori dipendenti, in quanto "utenti” dei locali nell’ambito dei quali prestano la loro attività lavorativa. E’ infatti interesse del datore di lavoro mettere in atto e far rispettare il divieto, anche per tutelarsi da eventuali rivalse da parte di tutti coloro che potrebbero instaurare azioni risarcitorie per danni alla salute causati dal fumo."

L'esposizione passiva al fumo derivante dalla combustione del tabacco è un fattore di rischio cancerogeno accertato e viene considerato un fattore di rischio lavorativo se presente nei luoghi di lavoro.

Da ciò deriva l'obbligo per datore di lavoro, dirigenti e preposti, di attuare tutti gli interventi preventivi previsti dalla normativa vigente: effettuazione della valutazione del rischio da fumo passivo (art. 28 comma 1 e art. 223 del D.Lgs. 81/2008) quale agente cancerogeno, e adozione di misure generali di prevenzione primaria finalizzate alla eliminazione del rischio.

Alla luce della normativa e della giurisprudenza, nei luoghi di lavoro, dove sono presenti dei lavoratori,  legittimo  il divieto di fumo.

Inoltre, negli eventuali locali riservati ai fumatori (presenti ad es. nei: bar, ristoranti, sale di intrattenimento, bingo, altro..) non possono essere svolte attività lavorative da personale dipendente, anche se saltuarie.

Al punto 4 della Circolare del Ministero della Salute del 17 dicembre 2004 si riporta che per i locali condotti da soggetti privati, il responsabile della struttura, ovvero dipendente o collaboratore da lui formalmente delegato, richiamerà i trasgressori all'osservanza del divieto e curerà che le infrazioni siano segnalate ai pubblici ufficiali e agli agenti competenti a norma dell'art. 13 della legge 24 novembre 1981, n. 689.

In particolare, per quanto riguarda i locali privati, ai soggetti responsabili della struttura o alla persona incaricata ricadono gli obblighi di:

  1. richiamare formalmente i trasgressori all'osservanza del divieto di fumare;
  2. segnalare, in caso di inottemperanza al richiamo, il comportamento del o dei trasgressori ai pubblici ufficiali e agli agenti ai quali competono la contestazione della violazione del divieto e la conseguente redazione del verbale di contravvenzione. 

E’ loro cura inoltre esporre nei locali in cui vige il divieto cartelli di divieto di fumo in maniera visibile. 

Sul cartello indicante il divieto di fumo ci deve essere la scritta “VIETATO FUMARE”, integrata dalle seguenti indicazioni:

a) norma che impone il divieto (Legge 16 gennaio 2003, n. 3, art. 51);

b) sanzioni applicabili;

c) soggetto/i incaricato/i di vigilare sull’osservanza del divieto di fumo;

d) autorità cui compete accertare e contestare le infrazioni.

La sanzione, stabilita dalla Legge 3/2003, per il mancato rispetto del divieto di fumo è di carattere amministrativo. Oltre a tale sanzione, al lavoratore che trasgredisce il divieto di fumo negli ambienti in cui ciò è proibito potrà essere contestata la violazione dell'art. 20, comma 2, lett. b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i..

Per ulteriori informazioni visitate la sezione FAQ Fumo nel sito del Ministero della salute. 

Si rimanda alla sezione dedicata alla Modulistica sicurezza del nostro sito per scaricare il fac-simile di Delega ai compiti di vigilanza sul rispetto del divieto di fumo.

0 Commenti

Centrale Termica – Adempimenti e conduzione tecnica-legislativa 

Negli ultimi anni la normativa che regola gli impianti termici ha avuto uno sviluppo a tutela dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini.

Una serie di obblighi che richiedono da parte dei responsabili degli impianti una particolare attenzione, soprattutto per le responsabilità civili e penali a cui tali adempimenti vengono associati.


leggi di più 1 Commenti